Imatge de l'autor
441+ obres 18,424 Membres 289 Ressenyes 26 preferits

Sobre l'autor

Deepak Chopra was born in New Delhi, India in 1946. He was educated as a medical doctor, specializing in endocrinology, at All India Institute of Medical Sciences. He served as Chief of Staff at Boston Regional Medical Center, and has taught at Tufts and Boston University Medical Schools. He mostra'n més recognized limitations in the ways that his medical education approached treatment of individuals. Introduced to the ancient methods of Hindu healing, known as Ayurveda, by Maharishi Mahesh Yogi, he saw a way to add a spiritual dimension to treatment of illness. Chopra's thinking led him to develop a theory that he called Quantum Healing, which combines Western and Hindu medical practice. In 1984, Chopra brought Ayurvedic medicine to the United States, and within a year he established the Ayurvedic Health Centre of Stress Management and Behavioral Medicine in Lancaster, Massachusetts. He is also the founding President of the American Association of Ayurvedic Medicine and eventually founded the Chopra Center for Wellbeing. He has written more than 55 books including Ageless Body, Timeless Mind: The Quantum Alternative to Growing Old; Creating Health: How to Wake Up the Body's Intelligence; Creating Affluence: The A-to-Z Steps to a Richer Life; The Seven Spiritual Laws of Success: A Practical Guide to the Fulfillment of Your Dreams; The Shadow Effect and Muhammad: A Story of the Last Prophet; Spiritual Solutions: Answers to Life's Greatest Challenges; Super Brain: Unleashing the Explosive Power of Your Mind to Maximize Health, Happiness, and Spiritual Well-Being; and The Healing Self: A Revolutionary New Plan to Super Charge Your Immunity and Stay Well for Life. He has won numerous awards including a Quill Award for Peace Is the Way and the grand prize at the 2005 Nautilus Book Awards for The Book of Secrets. He also writes novels including The Return of Merlin; Soulmate; and Jesus: A Story of Enlightenment. (Bowker Author Biography) Deepak Chopra, M.D., is the best-selling author of "Ageless Body, Timeless Mind," "The Seven Spiritual Laws of Success," & many other books. (Publisher Provided) Deepak Chopra has written 26 books, which have been translated into 35 languages. He currently serves as CEO & founder of The Chopra Center for Well Being in La Jolla, California. (Publisher Provided) mostra'n menys
Crèdit de la imatge: Sarvodaya.org

Sèrie

Obres de Deepak Chopra

Buddha: A Story of Enlightenment (2007) 844 exemplars
The Return of Merlin (1995) 686 exemplars
Jesus: A Story of Enlightenment (2008) 223 exemplars
Soulmate (2001) 139 exemplars
Lords of Light (1999) 96 exemplars
God: A Story of Revelation (2012) 89 exemplars
Deepak Chopra: Kama Sutra (1605) 48 exemplars
On My Way To A Happy Life (2010) 37 exemplars
The Higher Self (1992) 32 exemplars
Is God an Illusion (2012) 23 exemplars
Self Power (2012) 21 exemplars
Ask the Kabala Oracle Cards (2006) 15 exemplars
Living Without Limits (1996) 11 exemplars
New Physics of Healing (2002) 10 exemplars
Living Beyond Miracles (1993) 10 exemplars
Deepak Chopra Collection (2014) 7 exemplars
An Ancient, Magical Prayer (2001) 5 exemplars
The Power of Intuition (2001) 5 exemplars
Guerra Entre Dois Mundos (2012) 4 exemplars
The New Golden Rules (2005) 4 exemplars
The Secret of Healing (2011) 4 exemplars
A Vida Depois da Morte (2007) 4 exemplars
TODAYS WISDOM (2001) 3 exemplars
Sages and Scientists (2010) 3 exemplars
Success Cards (2006) 3 exemplars
la receta de la felicidad (2010) 3 exemplars
¿DE QUE SE RIE DIOS? (2010) 2 exemplars
Heilkraft Ayurveda 2 exemplars
Poder, Liberdade e Graça (2009) 2 exemplars
Supercérebro (4ª Edição) (2013) 2 exemplars
Heal 2 exemplars
Meditação Plena 2 exemplars
Conversas Com o Meu Pai (2011) 2 exemplars
BUDDHA, Issue 2 (BUDDHA: 2) (2008) 2 exemplars
The Conscious Universe (2000) 2 exemplars
Chopra, D: Buddha 1 exemplars
Das gesunde Herz. 1 exemplars
Die Körperzeit 1 exemplars
Une brassée de miracles (2018) 1 exemplars
Yeter ki Iste (2005) 1 exemplars
Ageless Realities: A Guidebook (1993) 1 exemplars
Yoga as a Form of Meditation (2002) 1 exemplars
THE CORPORATE SUFI 1 exemplars
Sono Tranqüilo (1998) 1 exemplars
O Guia Deepak Chopra de Ervas (2001) 1 exemplars
Frieden statt Angst 1 exemplars
Virgin Comics #0 (Devi / Ramayan Reborn) — Autor — 1 exemplars
Perfect Health 1 exemplars
Spiritual Solutions (Lib)(CD) (2012) 1 exemplars
Dieux de lumière (2003) 1 exemplars
How To Know God (2005) 1 exemplars
De Tien Geloften 1 exemplars
Zdrowie doskonałe (2021) 1 exemplars
Dieux de lumière (2000) 1 exemplars
Le Retour du rishi (1999) 1 exemplars
Spirituele oplossingen (2013) 1 exemplars
Eightfold Path 1 exemplars
Digestion et bien-être (1998) 1 exemplars
BUDDHA, Issue 6 (BUDDHA: 6) (2014) 1 exemplars
God 1 exemplars
Tanri (2014) 1 exemplars
Sin egen helses smed (1990) 1 exemplars
Sánate a ti mismo (2020) 1 exemplars
Dzīve pēc nāves (2008) 1 exemplars
Rejuvenecer y vivir más (2018) 1 exemplars
Energía sin límites (2015) 1 exemplars
Meta Human 1 exemplars
Il cammino verso l'amore (2001) 1 exemplars
No Caminho Para Uma Vida Feliz (2010) 1 exemplars
La vita senza condizioni (2007) 1 exemplars
℗La ℗pace ©· la via (2005) 1 exemplars
THE PATH TO LOVE 1 exemplars
Maigrir avec l'ayurveda (2010) 1 exemplars
Ask Deepak About Death & Dying (2014) 1 exemplars
BUDDHA, Issue 4 (BUDDHA: 4) (2014) 1 exemplars
BUDDHA ISSUE 1 FREE (2014) 1 exemplars
Tem Fome de Quê? 1 exemplars
Universo 1 exemplars
A Alma do Líder (2013) 1 exemplars

Obres associades

Etiquetat

Coneixement comú

Membres

Ressenyes

The Soul's Journey into the Mystery of Mysteries
 
Marcat
phoenixlibrary2023 | Hi ha 7 ressenyes més | Feb 22, 2024 |
Quando si parla dell’antico concetto indiano di Maya, secondo il quale il mondo è un’illusione, la maggior parte delle persone, sia orientali che occidentali, scrollano le spalle e si confondono. Se riflettono su Maya, relegano la parola alla metafisica o alla civiltà messicana. Ma un secolo dopo la rivoluzione quantistica nella fisica, Maya è un concetto più attuale che mai, perché il suo significato riguarda qualcosa di così intimo per noi come il nostro cervello.

Il mistero del cervello umano è facilmente riassumibile: come riesce a pensare una massa acquosa di sostanze chimiche organiche? Penso che ci sia una risposta, che è data nel nuovo libro, “Quantum Body”. “Il corpo quantico” nella edizione italiana. Per molto tempo il mistero non è andato oltre una famosa frase: “What is mind? No matter. What is matter, never mind.” La battuta incomprensibile in italiano, in inglese il senso ce l’ha. Un gioco di parole che sfrutta l’omofonia tra le parole inglesi “mind” (mente) e “matter” (materia).

Analizziamo la frase in dettaglio: What is mind? (Cosa è la mente?) No matter. (Non importa.) La prima parte della frase pone una domanda filosofica sulla natura della mente. La risposta “No matter” non fornisce una vera e propria risposta, ma suggerisce che la mente sia qualcosa di immateriale e difficile da definire. What is matter? (Cosa è la materia?) Never mind. (Non pensarci.) La seconda parte della frase riprende la parola “matter” con un significato diverso, questa volta riferendosi alla materia fisica.

La risposta “Never mind” implica che la materia, in contrapposizione alla mente, sia più facile da comprendere e quindi non meriti troppa attenzione. La battuta della frase deriva dal gioco di parole tra “mind” e “matter” e dalla contrapposizione tra le due risposte. La prima risposta suggerisce che la mente sia un mistero, mentre la seconda implica che la materia sia banale.

In italiano, la frase può essere tradotta come: “Che cos’è la mente? Non importa. Che cos’è la materia? Bah, (meglio) non pensarci.” Come si può comprendere, la traduzione non rende appieno il gioco di parole presente nell’originale inglese. Conclusione: “What is mind? No matter. What is matter, never mind” è una frase divertente solo in apparenza, invita invece a riflettere sulla natura della mente e della materia. L’umorismo deriva dal gioco di parole e dalla contrapposizione tra le due risposte.

L’espressione vuole descrivere l’impossibilità di connettere il mondo fisico con il dominio non fisico della mente, la coscienza. Tutti siamo coscienti di questo, non c’è dubbio. I prodotti chimici non sono coscienti, il che è altrettanto innegabile. Il divario tra queste due affermazioni è incolmabile, finché non si considera il “quanto”. Agli albori della rivoluzione quantistica intorno al 1900, alcuni dei più grandi sostenitori della teoria ricondussero la coscienza al campo quantistico. In un modo semplice, il campo quantistico fornisce la fonte di tutto.

Che sia la fonte dello spazio, del tempo, della materia e dell’energia fu ipotizzato allora e rimane vero anche adesso. Ma “tutto” deve includere la mente, e questo era il problema. La mente non è quantistica. Nessuna quantità di dati, misurazioni e sperimentazioni a livello quantistico, o altrove, può spiegare cosa sia un’esperienza. Il colore di una rosa espresso in lunghezze d’onda della luce non ha nulla a che fare con il fatto di vederla rossa.

Lo stesso vale per tutti e cinque i sensi. La ricerca attuale ha ricondotto l’olfatto, la vista e il tatto ai processi quantistici: la nostra retina, ad esempio, può registrare un singolo fotone, la particella quantistica associata alla luce. Ma i fotoni sono invisibili. Diventano luminosi solo attraverso la nostra percezione. Per un neuroscienziato, questo fatto risolve l’enigma della mente e del cervello.

Il cervello ci permette di vedere e di eseguire ogni altro processo mentale. Sfortunatamente, è qui che Maya lancia una chiave inglese nel macchinario. Nel cervello non c’è luce, né luminosità, né immagini, né altro che l’emissione di deboli cariche elettriche e lo scambio di sostanze chimiche ionizzate nella corteccia visiva.

Togli la luce, la luminosità e le immagini e l’esperienza di vedere svanirà. È ovvio che il nostro cervello non vede e, una volta ammesso questo punto, diventa il bordo di apertura del cuneo. Se il cervello non vede, non possiede nessuno dei cinque sensi. Se questo è vero, allora il cervello non ha esperienza, eppure noi ce l’abbiamo.

Maya smaschera l’errore secondo cui il cervello è uguale alla mente. Le neuroscienze lo negherebbero categoricamente, perché l’intera base della scienza del cervello per il 99% dei neuroscienziati è che cervello = mente. Viviamo nell’età dell’oro della risonanza magnetica funzionale (fMRI), una scansione di immagini che mostra l’attività in aree specifiche del cervello. In ambito medico, questa tecnica aiuta principalmente a pianificare interventi chirurgici al cervello e procedure simili e di altre tecniche di imaging cerebrale in grado di visualizzare l’attività cerebrale mentre si verifica. L’imaging è diventato così sofisticato che i modelli di attività neurale saranno presto abbastanza precisi, ci viene detto, da poter essere collegati ai pensieri individuali.

Ciò sembra supportare l’ipotesi che cervello = mente, ma non è così. Immaginate che un pianoforte, che suona musica senza pianista, sia caduto nel mezzo di una tribù dell’età della pietra in Nuova Guinea. Potrebbero essere scusati se credono che il pianoforte capisca la musica e sia responsabile della sua composizione (i pianoforti vecchio stile utilizzavano rotoli di carta con fori inseriti che attivavano il meccanismo dello strumento; quelli moderni funzionano elettronicamente).

Nonostante tutta la sua sofisticazione, la neuroscienza cade nella stessa illusione. Crede che il cervello, poiché possiede i macchinari corrispondenti a pensieri, sentimenti, sensazioni e immagini, debba comporre la nostra esperienza. La differenza rispetto a una tribù dell’età della pietra della Nuova Guinea è che il pianista può essere compreso svelandone i meccanismi, mentre il cervello no.

Ma Maya e la rivoluzione quantistica hanno legami più profondi. Le particelle elementari che costituiscono il primo stadio della creazione non sono come le “cose” fisiche ordinarie. Ciò fu chiarito dal grande fisico Werner Heisenberg quando dichiarò: “Gli atomi o le particelle elementari stesse non sono reali; formano un mondo di potenzialità o possibilità piuttosto che uno di cose o fatti”.

Ecco il legame vitale tra mente e materia: entrambe nascono come possibilità, non come cose o fatti. Il prossimo pensiero che hai e la prossima parola che pronunci esistono in anticipo solo come possibilità. Pertanto, pensi e parli sempre a quel livello. Lo stesso vale per un’esperienza. Sperimenti tutto nel mondo “reale” con tutte le sue viste, suoni, odori, consistenze e sapori, ma questa è pura illusione.

L’esperienza non inizia in alcun luogo specifico perché il campo quantistico non ha luogo nel tempo e nello spazio. I tuoi sensi sono quantistici una volta che capisci da dove hanno origine, non nell’illusorio mondo fisico. Pertanto, anche il tuo cervello, essendo una cosa, è illusorio. Maya e la meccanica quantistica concordano su questo punto.

Ben presto la fisica moderna si allontanò dalla teoria della mente e, come tutte le altre scienze, si orientò verso la sperimentazione fisica. Ma questa decisione non invalida l’intuizione di Heisenberg. Ma dove ti porta effettivamente questa intuizione? La medicina deve affrontare le malattie del cervello che corrispondono a depressione, ansia e psicosi, per non parlare dei tumori cerebrali e di altri disturbi fisici. Sembra inutile dire che la medicina si lascia ingannare da un’illusione.

Il motivo per cui è importante è stato riassunto da un altro grande pioniere quantistico, Erwin Schrödinger, che fu un grande studioso della filosofia vedica e in particolare dei suoi documenti principali, conosciuti come Upanishad. “Le Upanishad sono il trattato filosofico più completo mai scritto dall’uomo. Si basano su un’idea antica, antica quanto il pensiero indiano, che la realtà più profonda è l’Uno e che quest’Uno è identico al nostro Sé”.

In queste parole sta il motivo per cui l’incontro tra Maya e il campo quantistico è così importante. Ci avvicina alla comprensione della totalità (l’Uno) e al vedere che la totalità è la nostra natura fondamentale. Non siamo corpo, mente e spirito come se fossero compartimenti separati. Non dobbiamo raggiungere la completezza, perché siamo completi fin dall’inizio. L’unione perfetta di mente e cervello è la risposta, non l’enigma. Una volta che cominciamo con l’integrità come fatto fondamentale dell’esistenza, molti vecchi enigmi vengono risolti e possiamo iniziare a vivere il mistero invece di esserne sconcertati.

MEDIUM https://angallo.medium.com/il-cervello-come-illusione-il-corpo-quantico-fbe89160...
… (més)
 
Marcat
AntonioGallo | Feb 19, 2024 |
> RÉSUMÉ. — Deepak Chopra prend l'exemple inattendu des superhéros (Superman, Batman, Hulk, Wolverine) pour établir 7 nouvelles lois pour nous guider sur la voie de la spiritualité.

- En lisant des "comics" avec son fils, Deepak Chopra fait un parallèle entre ces héros, souvent solitaires, qui font le bien et appliquent les bases du développement personnel.

- Il définit alors 7 lois spirituelles dont chacune est représentée par un personnage de superhéros.

(Equilibre/Batman, Transformation/X Men, Pouvoir/Superman, Amour/Le Surfeur d'Argent, Créativité/Iron Man, Intention/Dr Strange, Transcendance/X Men)

- Un cahier d'exercices pour réveiller le superhéros qui sommeille en vous : comment relever un défi, apprendre à faire le vide intérieur, exercices de visualisation créatrice, etc.

- Une approche originale des lois spirituelles, accessibles à un large public.
… (més)
 
Marcat
Joop-le-philosophe | Jan 27, 2024 |
> RÉSUMÉ. — « Le secret est que le niveau du problème n’est jamais au niveau de la solution. » La vie est pleine d’enjeux, petits et grands. En élevant le niveau de sa propre conscience, on peut transformer les obstacles en opportunités.

L’auteur aide le lecteur à découvrir son « vrai soi » où la paix, la clarté et la sagesse servent de guides en temps de crises. La spiritualité est primordiale pour la conscience.

Chopra nous explique concrètement, grâce à des stratégies et outils précis, comment étendre sa conscience qui est la solution à la confusion et aux conflits auxquels nous faisons tous face.

Dans les relations avec les autres, au travail, dans tout ce qui fait la vie, prendre le recul qui permet d’élever sa conscience, rend les solutions aux problèmes beaucoup plus simples à trouver.

Découvrez les 7 niveaux pour atteindre facilement l’éveil de la conscience pour que les solutions dépassent les problèmes de votre vie.

Un livre pratique et spirituel qui vous aidera à vous aligner sur votre ligne de conscience.
… (més)
 
Marcat
Joop-le-philosophe | Jan 27, 2024 |

Llistes

Premis

Potser també t'agrada

Autors associats

Estadístiques

Obres
441
També de
14
Membres
18,424
Popularitat
#1,190
Valoració
½ 3.7
Ressenyes
289
ISBN
1,613
Llengües
31
Preferit
26

Gràfics i taules