Imatge de l'autor
171+ obres 14,414 Membres 180 Ressenyes 11 preferits

Sobre l'autor

John R. Gribbin (born 19 March 1946) is a British science writer, an astrophysicist, and a visiting fellow in astronomy at the University of Sussex. The topical range of his prolific writings include quantum physics, human evolution, climate change, global warming, the origins of the universe, and mostra'n més biographies of famous scientists. He also writes science fiction. In 1984, Gribbin published In Search of Schrödinger's Cat: Quantum Physics and Reality, the book that he is best known for, which continues to sell well even after years of publication. At the 2009 World Conference of Science Journalists, the Association of British Science Writers presented Gribbin with their Lifetime Achievement award. (Bowker Author Biography) John Gribbin, visiting fellow in astronomy at the University of Sussex. He is married to Mary Grivvin, also a science writer. (Publisher Provided) mostra'n menys

Sèrie

Obres de John Gribbin

Science: A History (2002) 743 exemplars
In Search of the Big Bang (1986) 299 exemplars
Time & Space (Eyewitness Books) (1994) 243 exemplars
Stardust (2000) 222 exemplars
Get a Grip on Physics (1999) 202 exemplars
The Universe: A Biography (2006) 185 exemplars
In Search of the Edge of Time (1992) 177 exemplars
In Search of the Multiverse (2009) 168 exemplars
Einstein: A Life in Science (1993) 161 exemplars
Companion to the Cosmos (1996) 135 exemplars
Flower Hunters (2008) 130 exemplars
Darwin: A Life in Science (1995) 128 exemplars
Ice Age (2001) 119 exemplars
Time-Warps (1979) 118 exemplars
The Case of the Missing Neutrinos (1998) 109 exemplars
The Jupiter effect (1974) 107 exemplars
A Brief History of Science (1609) — Editor — 101 exemplars
The Sixth Winter (1979) 82 exemplars
The little book of science (1999) 63 exemplars
Double Planet (1988) 62 exemplars
Father to the Man (1989) 60 exemplars
Spacewarps (1983) 57 exemplars
The Cartoon History of Time (1990) — Autor — 53 exemplars
The Mating Game (1984) 51 exemplars
Brother Esau (1982) — Autor — 28 exemplars
Innervisions (1993) 25 exemplars
Galileo in 90 Minutes (1997) 20 exemplars
Reunion (1991) 20 exemplars
Climatic Change (1978) 18 exemplars
Faraday in 90 Minutes (1997) 17 exemplars
Future Worlds (Abacus Books) (1979) 16 exemplars
Newton in 90 Minutes (1997) 16 exemplars
Curie in 90 Minutes (1997) 15 exemplars
Seven Pillars of Science (2020) 15 exemplars
Einstein in 90 Minutes (1997) 15 exemplars
Ragnarok (1991) — Autor — 14 exemplars
Our Changing Universe (1976) 13 exemplars
Jupiter Effect Reconsidered (1982) 12 exemplars
Halley in 90 Minutes (1997) 12 exemplars
Mendel in 90 Minutes (1997) 11 exemplars
The Alice Encounter (2011) 11 exemplars
THE FUTURE NOW (1998) 10 exemplars
This shaking earth (1978) 10 exemplars
Timeswitch (2009) 8 exemplars
Watching the Universe (1998) 8 exemplars
Watching the Weather (1996) 8 exemplars
Astronomy for the amateur (1976) 7 exemplars
Time travel for beginners (1995) 7 exemplars
Existence is Elsewhen (2016) 7 exemplars
Earthquakes and Volcanoes (1978) 6 exemplars
Weather (Just look at--) (1985) 6 exemplars
Winds of change (1989) 6 exemplars
The death of the Sun (1980) 5 exemplars
Ten Tantalising Truths (2023) 5 exemplars
Galaxy Formation (1976) 5 exemplars
Don't Look Back (1990) 4 exemplars
The Pocket Darwin (2007) 4 exemplars
Cosmology Today (1982) 3 exemplars
The Pocket Galileo (2007) 3 exemplars
Reunião 1.º Vol. 2 exemplars
Reunião 2.º Vol. 2 exemplars
Climate and mankind (1979) 2 exemplars
You Are Made of Stardust (1995) 2 exemplars
Dalla scimmia all'universo (1999) 2 exemplars
Egyedül vagyunk! 1 exemplars
Beyond the Jupiter Effect (1983) 1 exemplars
The Future of Life 1 exemplars
Unbegotten Child 1 exemplars
John Gribbin 1 exemplars
Kosmologia (1998) 1 exemplars
Cometa do Caos Livro 1 (1998) 1 exemplars
Um Admirável Universo (2000) 1 exemplars
The Climatic Threat (1978) 1 exemplars
Fisika Modern 1 exemplars

Obres associades

30-Second Theories (2010) — Autor, algunes edicions413 exemplars
Hubble's Universe: A New Picture of Space (1996) — Preface — 85 exemplars
The Universe and Eye (1993) — Pròleg — 44 exemplars
Analog Science Fiction/Science Fact: Vol. XCVI, No. 3 (March 1976) (1976) — Col·laborador — 25 exemplars
Analog Science Fiction/Science Fact: Vol. CVI, No. 5 (May 1986) (1986) — Col·laborador — 21 exemplars
Analog Science Fiction/Science Fact: Vol. CVI, No. 13 (Mid-December 1986) (1986) — Autor, algunes edicions18 exemplars
Drabble Project (1988) — Col·laborador — 17 exemplars
New Scientist, 15 January 1994 (1994) — Col·laborador — 2 exemplars
New Scientist, 24 November 1990 (1990) — Col·laborador — 1 exemplars

Etiquetat

Coneixement comú

Nom normalitzat
Gribbin, John
Nom oficial
Gribbin, John R.
Data de naixement
1946-03-19
Gènere
male
Nacionalitat
UK
Lloc de naixement
Maidstone, Kent, England, UK
Llocs de residència
England, UK
Educació
University of Sussex (BS|physics|1966|MS|astronomy|1967)
University of Cambridge (PhD|astrophysics|1971)
Professions
physicist
science writer
astronomer
astrophysicist
journalist
science fiction writer
Relacions
Gribbin, Mary (wife)
Organitzacions
University of Sussex
Premis i honors
Fellow, Royal Society of Literature (1999)
Association of British Science Writers Lifetime Achievement award (2009)
Biografia breu
Wiki:
John Gribbin graduated with his bachelor's degree in physics from the University of Sussex in 1966. Gribbin then earned his master of science (M.Sc.) degree in astronomy in 1967, also from the Univ. of Sussex, and he earned his Ph.D. in astrophysics from the University of Cambridge (1971). As a science writer, he has worked for the science journal Nature, and the magazine New Scientist and has written for The Times, The Guardian and the Independent as well as their Sunday counterparts and BBC radio.He is best known for his book In Search of Schrödinger's Cat (1984).

Membres

Ressenyes

Deep Simplicity is a popular science book about the theory of chaos. As always, John Gribbin presents the subject in a remarkably accessible way - the educated layperson will be able to tackle this book. However, it is not without drawbacks.


The book starts out with a concise history of mathematics relating to chaos. Gribbin begins with the Greeks and Galileo and moves onto Newton, and the issue of the three-body problem (where it is impossible to use Newton's laws of motion to generate analytical solutions to a situation in which there are three bodies of similar size affecting each other under gravity). He then talks about thermodynamics, and the concept of entropy and how this leads to an arrow of time. Gribbin also introduces an idea which he seems to be very fond of, that life is an example of using energy flow to reduce local entropy.

The next section introduces some of the mathematics behind chaos. Gribbin describes how the iterative approximation techniques used in finding solutions to can never be exactly accurate. The concept of phase space, where a single point completely describes a system using multiple dimensions, is used by Poincare to deal with the problem of the Solar System's stabilty. Gradually, Gribbin brings the reader to the realisation that some systems, such as the weather, while deterministic in principle, are very difficult to predict in practice because of the non-linearity of their progression. Simply, small changes in initial conditions can lead to vastly different outcomes. Indeed, the impossibility of knowing the precise positions or momenta of anything makes such precise prediction unachievable even in principle.

The idea of chaos as deterministic yet unpredictable order comes in the next section with the example of turbulence - a single parameter, the fluid speed, is changing, yet the flow changes from regular to turbulent to laminar. Additionally, the chaotic pattern appears to be fractally self-similar, like the Feigenbaum diagram describing species reproduction. Other fractals such as the Sierpinski gasket and the Cantor set are discussed, as well issues of fractal dimension. However, recognising that completely regular and completely random systems are uninteresting, Gribbin quickly ushers the reader onto the "edge of chaos, where complexity lives."

The rest of the book appears to be satisfying some of the author's own interests, however. He takes many aspects of living development, including abiogenesis, Gaia systems, predator-prey relationships and more and tries to recognise chaotic patterns in them all. He notes that any such system that incoporates feedback will generate chaotic behaviour, but often there seems to be little gained from understanding that the behaviour is chaotic - for example, the idea that Ice Ages are chaotic fluctuations in a punctuated equilibrium appears to be difficult to test!


Gribbin succeeds in conveying the history and principles of chaos in his first sections, as well as their relevance to many areas of science - especially the complexities of life. However, unlike some of his other books on quantum physics, among others, I feel like this topic is one that is best dealt with in greater detail than can be used in a popular science book. Gribbin uses examples well to illustrate the points, but without understanding derivations it is hard to avoid feeling like much of the book is assumed. Additionally, it is possible to see how the book has been structured in hindsight, but while reading I felt disorientated as he jumps from one area to another. Again, understanding more about the principles behind chaos would have remedied this somewhat. An interesting read, but not as engaging as I might have hoped.
… (més)
 
Marcat
Zedseayou | Hi ha 10 ressenyes més | Jan 30, 2024 |
The over arching story of how this knowledge was pieced together by a multitude of independent players, each building on the achievements and insights of others, I found compelling. I’m afraid that the logic as it became increasingly complicated and interwoven, eventually thoroughly lost me. Still worth the read.
 
Marcat
BBrookes | Hi ha 2 ressenyes més | Nov 15, 2023 |
Another book that makes a good stab at explaining the complexities of quantum science.
 
Marcat
mykl-s | Hi ha 26 ressenyes més | Aug 11, 2023 |
Passeggiando all’interno di una riserva naturale in compagnia di mio figlio, adolescente della generazione Alpha, mi sono reso conto di quanto la sua grande sensibilità ed attenzione al tema ambientale e climatico, non è però accompagnata da una cultura scientifica di base relativa allo studio del clima. Ora, è già di per sé apprezzabile l’attenzione a tali temi, ma la storia di ogni evento è quanto mai importante per comprenderne l’evoluzione e magari per recitare un mea culpa perché pur sapendo hai fatto poco o niente. Nel confronto dialettico con il mio paladino della causa ambientalista pareva quasi assente il fatto che di clima e ambiente già si stava parlando da molti anni e anche in modo complesso con uno sguardo al futuro. E che proprio niente non è stato fatto!

Ero colpito di notare quanto mio figlio insisteva nel parlare di “impronta climatica” o di carbon footprint (impronta di carbonio), misura che esprime il totale delle emissioni di gas ad effetto serra espresse generalmente in tonnellate di CO2, ma senza però una precisa conoscenza di come tale sensibilità si sia sviluppata negli anni e quali problemi già si erano portati all’attenzione, dei meccanismi che hanno dato origine alle grandi glaciazioni, della genesi dell’effetto serra o dei buchi nello strato di ozono che circonda il nostro pianeta. Insomma, sentivo l’esigenza di fargli comprendere anche la percezione della mia generazione sui cambiamenti climatici e su quello che noi chiamavamo semplicisticamente “inquinamento”, così come le affascinanti teorie sulla Terra vista come un unico grande e complesso organismo vivente: Gaia. Di gran moda negli anni Ottanta.

Ecco allora che mi sono ricordato di un saggio pubblicato nel lontano 1988 (trentacinque anni orsono) dal titolo “Il pianeta che respira” in cui, John Gribbin, s’era preso la briga di coordinare e rendere accessibili ad un pubblico più vasto una serie di interessanti interventi scientifici su questo argomento. Il saggio, ed è giusto sottolineare che di questo si tratta e non di un manifesto ecologista o di una biografia di contestazione del sistema, è un’antologia di articoli sul clima ed i suoi effetti antropici, tratti da New Scientist. Ed è forse il rigore della scienza che quasi impone, in questo libro, di decolorare al massimo l’aspetto politico. Non è un caso quindi che le implicazioni sociali e umane di quanto è raccontato vi compaiano molto stemperate, ma proprio per questo appaiono più efficaci. Ciò però non significa che tale argomento sia ignorato, anzi una parte del saggio pone proprio l’attenzione ai riflessi politici, economici e militari dei rapporti tra uomo e clima.

Per chi non lo conoscesse, New Scientist, come settimanale “scientifico” vide la luce nel novembre del 1956, grazie ad un gruppo di giornalisti e di scienziati il cui obiettivo era quello di trattare tematiche scientifiche e di ricerca. La formula non era certo divulgativa e, come ha scritto Enrico Guazzoni che cura la prefazione del libro di cui parlo, “non concedeva nulla alla moda o all’evasione”. Tuttavia esso ha reso disponibili tantissime notizie sul mondo della scienza e della tecnica, sdoganandole dal limbo accademico, senza trascurare curiosità e stranezze, col piglio di autori di grande livello tra i quali non pochi premi Nobel, buttando nella mischia anche nuove teorie, fortemente criticate prima di diventare il paradigma comune.

Nato nel 1946, John Gribbin, si è laureato in astrofisica all’Università di Cambridge. È autore di numerosi best-seller sempre nell’ambito della divulgazione scientifica; i suoi libri sono stati tradotti in numerose lingue e hanno ricevuto premi e riconoscimenti sia in Inghilterra che negli Stati Uniti. Con cura egli ha attinto dunque ad uno dei pilastri della diffusione della cultura scientifica nel mondo, una testata che ha saputo fare la cronaca della “storia in atto”. E ciò non è poco. La prima parte del libro ci presenta l’ipotesi, davvero affascinante di Gaia e ci parla della storia dell’atmosfera terrestre. Il padre scientifico di Gaia è lo scienziato inglese James Lovelock che ha formulato l’idea della Terra come organismo, un teoria nata già nel periodo delle prime esplorazioni spaziali e, che pur avendo sollevato molte controversie, è piaciuta molto alla mia generazione; un’ipotesi che ha generato articolate suggestioni nella direzione di una percezione del pianeta come un sistema unitario. Un pensiero che, forse, ci ha illuso di poter contare su una sorta di reattività anticorpale al cambiamento e che, col senno di poi, pare più filosofico che scientifico.

Il saggio si sofferma sui cambiamenti climatici naturali e, a rileggerlo oggi a distanza di oltre trent’anni, ci propone le prime esaustive analisi delle cause della siccità che già andava diffondendosi nel mondo, facendoci riflettere su cosa si poteva fare e su cosa non siamo stati in grado di fare, sottovalutando probabilmente la gravità della situazione. C’è poi una sezione importante che tratta della fascia d’ozono e dei pericoli prodotti dalla sua distruzione, una serie di informazioni che consentono ora di meglio comprendere, a chi non lo ricorda, il perché di alcuni provvedimenti di messa al bando di sostanze letali per la barriera di ozono.

“La tecnologia moderna e le nuove pratiche agrarie hanno elevato la capacità produttiva dei terreni agricoli nel mondo, precedendo talora lo sviluppo demografico: ciò tuttavia non è di grande sollievo per le popolazioni che muoiono di fame nel Sahel o in Etiopia in seguito a modificazioni climatiche di cui noi europei abbiamo grande responsabilità, non ovviamente nel senso che siamo responsabili del fatto che per anni non piove, bensì per avere praticato per secoli la monocoltura e avere così impoverito il suolo e averlo messo alla mercé di una desertificazione dilagante, che sta distruggendo le aree coltivabili del nostro pianeta a una velocità spaventosa e di cui non ci accorgiamo solo perché siamo volutamente miopi, anche nei confronti di quegli eritrei che in sempre maggior numero affollano le nostre metropoli per sfuggire alla guerra e al deserto avanzante.”

Nulla in questo saggio è stato dimenticato: le piogge acide quale conseguenza delle trasformazioni ambientali, i problemi legati all’aumento di tenore dell’anidride carbonica, responsabile dell’effetto serra e le trasformazioni climatiche legate complessivamente all’inquinamento atmosferico. C’è persino un apocalittico, fantascientifico scenario in cui
si valutano gli effetti di una manipolazione del clima che rischierebbe di innescare effetti incontrollati su scala planetaria.

Riprendendolo tra le mani oggi è possibile ritrovare la modalità con cui questi temi apparvero a suo tempo. Sorprende poi notare come le domande che ci si poneva in quell’epoca (gli oceani e le foreste pluviali assorbiranno l'eccesso di anidride carbonica? La temperatura media annua del nostro pianeta si innalzerà anche solo di pochi gradi? Ci sarà uno scioglimento dei ghiacci polari, con conseguente innalzamento del livello dei mari?) suonano oggi come delle affermazioni e non più come dei quesiti, come delle drammatiche, irreversibili certezze, ben esplicitate in libri come “La nostra casa è in fiamme” dell’attivista Greta Thunberg.

Pur essendo oggi un testo datato (comunque un battito d’ali rispetto ad un’era geologica), esso mantiene intatto, con i suoi dati e i suoi grafici, il suo valore didattico, ancor più se si vuole tentare un’analisi storica critica su cosa si poteva fare e non si è fatto pur sapendo cosa stava accadendo. Esso prende per mano il lettore e gli fa percorrere il cammino della scoperta e dell’ipotesi, ci offre le contraddizioni della scienza, le opposte e contrapposte ragioni e gli interessi. Rende più ricche le nuove generazioni e fa riflettere le vecchie sulle risposte che già si poneva e che, come già si scriveva allora “ognuno deve cercarsele nella propria attività quotidiana, magari evitando di usare la macchina e sostituendola con la bicicletta o nel non usare gli spray. Piccole cose che possono creare grandi impegni”.

Pubblicato su: https://www.territoridicarta.com/blog/il-pianeta-che-respira-lo-studio-del-clima...
https://creativecommons.org/licenses/by-sa/4.0/
… (més)
 
Marcat
Sagitta61 | Jul 14, 2023 |

Llistes

Premis

Potser també t'agrada

Autors associats

Estadístiques

Obres
171
També de
14
Membres
14,414
Popularitat
#1,590
Valoració
½ 3.7
Ressenyes
180
ISBN
693
Llengües
21
Preferit
11

Gràfics i taules