IniciGrupsConversesMésTendències
Cerca al lloc
Aquest lloc utilitza galetes per a oferir els nostres serveis, millorar el desenvolupament, per a anàlisis i (si no has iniciat la sessió) per a publicitat. Utilitzant LibraryThing acceptes que has llegit i entès els nostres Termes de servei i política de privacitat. L'ús que facis del lloc i dels seus serveis està subjecte a aquestes polítiques i termes.

Resultats de Google Books

Clica una miniatura per anar a Google Books.

Savage Season de Joe R. Lansdale
S'està carregant…

Savage Season (edició 1990)

de Joe R. Lansdale

Sèrie: Hap and Leonard (1)

MembresRessenyesPopularitatValoració mitjanaMencions
7862927,823 (3.7)32
Fiction. Mystery. Suspense. Thriller. HTML:

Savage Season is the basis for the first season of the Sundance TV series Hap and Leonard

A rip-roaring, high-octane, Texas-sized thriller, featuring two friends, one vixen, a crew of washed-up radicals, loads of money, and bloody mayhem.

Hap Collins and Leonard Pine are best friends, yet they couldn't be more different. Hap is an east Texas white-boy with a weakness for Texas women. Leonard is a gay, black Vietnam vet. Together, they steer up more commotion than a fire storm. But that's just the way they like it. So when an ex-flame of Hap's returns promising a huge score. Hap lets Leonard in on the scam, and that's when things get interesting. Chockfull of action and laughs, Savage Season is the masterpiece of dark suspense that introduced Hap and Leonard to the thriller scene. It hasn't been the same since.

.
… (més)
Membre:Darco
Títol:Savage Season
Autors:Joe R. Lansdale
Informació:Bantam (1990), Mass Market Paperback
Col·leccions:La teva biblioteca
Valoració:
Etiquetes:Cap

Informació de l'obra

Savage Season de Joe R. Lansdale

S'està carregant…

Apunta't a LibraryThing per saber si aquest llibre et pot agradar.

No hi ha cap discussió a Converses sobre aquesta obra.

» Mira també 32 mencions

Es mostren 1-5 de 29 (següent | mostra-les totes)
A short satisfying read. Hap and Leonard are friends down on their luck in Eastern Texas. The witty banter between them was entertaining. I see why people like the series. I almost always like to read the books before watching the film version. I think I will watch the series and not bother with reading the rest of the books. Other good books to read folks. The show looks like it gets the best part... Hap and Leonard as friends in a screwed up world of hard times. ( )
  wvlibrarydude | Jan 14, 2024 |
Savage Season is a crime novel by American author Joe R. Lansdale, published in 1990. It is the first in a series of books and stories written by Lansdale featuring the characters Hap Collins and Leonard Pine. The novel was nominated for a Bram Stoker Award for Best Novel of 1990. Joe R. Lansdale has written some of the most funny, vulgar, and horrific stories ever written and I can see why he is lauded as an American original by many critics and fellow authors (including Stephen Graham Jones).

SAVAGE SEASON is book one in the Hap & Leonard series and introduces us to three, main, colorful characters: Hap Collins, Leonard Pine, and Hap’s ex-wife Trudy. The dialog that transpires between these three characters is seriously laugh-out-loud funny.

Hap & Leonard’s friendship consists mostly of busting each other’s balls but it’s easy to get a sense of that strong brotherhood bond that rests just under the surface of all that banter.

Savage Season came out in 1990 and is slightly different to the subsequent books in that it is greed – and it must be said Collins’ libido – which gets them into trouble. The men are working low paid jobs so money is tight. When Trudy arrives in town the men are out in the fields shooting skeet for the pot. Trudy and Collins were lovers at university, and it was she who encouraged him to become a conscientious objector. Separation can hurt any relationship though, and Collins found her visits to the state prison where he was incarcerated less and less frequent, until they stopped completely. When she tells Collins, after sex, that she knows how he can earn a cool $200,000 tax free, he is self-aware enough to know he’s being played but not quite enough to stop himself from taking the bait.

Trudy’s left wing politics have never left her. Her most recent husband, Howard, did time in prison for an anti-nuclear demonstration that got out of hand. During his sentence, Howard learned from another inmate about $1 million haul, the fruits of a bank robbery, which was lost in the maze-like creek system around LaBorde before the robbers could get away. Tragedy befell this other inmate before his release, and now the money will belong to whomever gets their hands on it. Trudy wants her share to fund a protest group she’s involved with.

Nothing is ever so simple, and Trudy is not so peaceful as she appears. Other criminals get wind of the haul, and there is plenty of twists and double crosses.

The book ends on a bittersweet but also hopeful note. The men escape with their lives, though Pine is left seriously injured, and part of their money goes to pay for his hospital care. Collins donates his share to Greenpeace, and though his faith in others takes a battering, his own ideals are reinforced. The book ends, strangely, in some beautiful prose meditating on the nature of idealism:

"Idealism was a little like Venus in the daytime. There'd been a time when I could see it."

I found Savage Season to be a fast-paced, funny, heist thriller. It is a really entertaining novel and I can see why folks love Lansdale's work. In fact, I have become a fan. In just under two hundred pages this is a great first book in a series there’s just enough there to get invested in Hap & Leonard’s lives as well as get acquainted with what seems to be the main selling points: absolute mayhem & comedy.



( )
  ryantlaferney87 | Dec 8, 2023 |
“Una stagione selvaggia. Un’indagine di Hap & Leonard” di Joe R. Lansdale (Einaudi, 2006) è il primo romanzo della saga investigativa dedicata, appunto, ad Hap e Leonard, i due interpreti delle numerose avventure che dal 1990, anno di prima pubblicazione americana del libro, animeranno numerose storie di questo autore, finendo per diventare negli States anche una serie televisiva di discreto successo. Scrivo tutto ciò in premessa perché, data la distanza tra l’uscita del romanzo nelle librerie d’oltreoceano e la pubblicazione in Italia è probabile, anzi è certo, che gli appassionati di Lansdale, che resta comunque uno dei miei autori contemporanei preferiti, abbiano già approcciato alla sua scrittura con successi del tipo “La foresta”, Acqua buia” o si siano già appassionati con il duo Hap e Leonard in avventure stile “Mucho Mojo” e “Bad Chili”. E se è vero ciò che penso, leggere ora, col senno di poi, questo libro, potrebbe lasciare un poco perplessi e spiegarci perché in Italia questo lavoro del texano, che ama le paludi e il pulp western, arrivi ad oltre quindici anni di distanza dalla sua prima pubblicazione americana.

Lo stile letterario e l’alchimia che Lansdale riesce a trasmettere con le parole è certamente la struttura di sostegno a tutto l’impianto narrativo. Maestro del linguaggio rude e graffiante, una vera lima grana ottanta con quello slang macho del sud, resta insuperabile nell’inventare le sue ricorrenti similitudini: "ero annoiato abbastanza da farmi una sega col pugno avvolto nel filo spinato”. Qui non è ancora a regime però con lo sbeffeggio cameratesco. Corrode, ma non troppo, e la storia traccia un solco poco profondo nella testa del lettore, ha poca incisività in uno sviluppo che, solo a tratti, s’impenna, ma sempre comunque non abbastanza da farci sudare come se qualcuno ci desse la caccia.

Hap Collins, un bianco sudista che ha passato qualche anno nelle patrie galere, pugile e buon tiratore, e il suo migliore amico Leonard Pine, afroamericano gay e veterano del Vietnam, dalla battuta tagliente e affetto da un sarcasmo ineguagliabile, sono già nella testa dell’autore, ma il loro carattere non è ancora a registro e si mostra a tratti fuori fuoco. Decisamente meglio tra i due a ben leggere, la figura di Leonard, il cui identikit mostra una discreta somiglianza ai caratteri caratteriali che ben conosce chi ha approcciato alla saga, anche nella rappresentazione del nero omossessuale del profondo sud americano, fatta senza mai offrire il fianco alla canzonatoria caricatura da osteria, ma con il rispetto assoluto della scelta dell’uomo Leonard, senza però rinunciare al suo piglio ilare. Salvo poi infilargli in bocca, nel “doppiaggio” italiano, proverbi in cui gatto fa rima con sacco, quasi che da LaBorde e le sue umide paludi la scena si trasferisca a Boretto, tra i pioppeti della bassa emiliana.

Meno bene per il bianco Hap, che in questo “Una stagione selvaggia” più che selvaggio pare un adolescente rimbecillito da una cotta, arrapato e addomesticato a cagnolino da compagnia sempre in calore. Una compagnia, quella degli altri personaggi che si muovono nella storia, anch’essa francamente sotto tono, a tratti grottesca, perfetta comunque per un romanzo che naviga in un mare liscio come l’olio, evitando sino all’ultimo la tempesta perfetta, preferendo nella mappa del racconto seguire una rotta lineare, quasi a voler scandagliare il fondale per cercare un approdo sicuro in cui gettare l’ancora, piuttosto che azzardare strambate adrenaliniche.

C’era una volta, dunque, un paio di amici squattrinati che, a metà degli ottanta, sbarcavano il lunario con lavori stagionali, improvvisati o ai margini della legge, sempre nell’attesa di un “carpe diem” capace di cambiare loro la vita. Una svolta! Quest’ultima arriva con Trudy, la ex moglie di Hap, imprigionato, ma sarebbe meglio dire ipnotizzato, da un amore adolescente tutto ormoni e niente testa.

«Brutto cazzone,» disse Leonard. «Ti ho detto che quella puttana è velenosa. Te l'ha detto anche Paco. La conoscono bene tutti eccetto quelli che s'innamorano di lei. Se non fossi frocio forse l'amerei anch'io. Ma dal mio punto di vista è solo una puttana con la lingua lunga, e tu un coglione di prima categoria che non sa distinguere tra un'erezione e il vero, dolce amore. Buonanotte» (da Una stagione selvaggia).

Ci sono parecchi soldi in ballo. Niente di difficile all’apparenza: cercare e recuperare nel pantano maleodorante di una palude sudista (che Lansdale difficilmente si fa mancare) il bottino perduto di una vecchia rapina. A complicare le cose però, dopo un buon mezzo libro di tira e molla, ci si mette il resto della banda, per certi versi più simile a quella di paese che suona nei giorni della sagra, che ad una letale gang di temerari fuorilegge, sullo stile di Alan Ford alla Max Bunker fine anni Sessanta: Howard, finto duro e altro ex dell’incantatrice e cinica Trudy; Paco, ex contestatore del sessantotto che tutti credono morto in un’esplosione e che nessuno riconosce per il suo viso deturpato come “Il fantasma dell'Opera” di Gaston Leroux; Chub, il bambino obeso e complessato che i tanto citati anni sessanta hanno trasformato in un adulto obeso e complessato. Sfortuna vuole per Hap e Leonard, fortuna invece per chi legge, che sul finale Lansdale molli gli ormeggi, cazzi la randa e prenda il vento tingendo l’acqua di sangue.

Lansdale, lo ribadisco, è proprio bravo. Una capacità di destreggiarsi con le parole che lo salva sempre, anche dove la trama ha una minore densità emotiva. Scritto bene lo é, capelli fuori posto pochi. Un po troppo lunghi forse, in quello stile contestazione anni Sessanta che nel libro entra con il peso di un intervento ad un congresso sui temi della rivoluzione giovanile e che mette a confronto “pace e amore” con le rivolte studentesche, il caro vecchio folk alla Bob Dylan da chitarra acustica con i movimenti radicali. Una poetica, nostalgica, trasognata rimembranza, il cui alone però persiste nell’aria come il sudore di un adolescente dopo la partita di calcetto che rischia di far mancare l’aria anche ad un boomer come me. Ma forse tutto ciò serviva a riempire qualche pagina in più d’inchiostro.

Più che un romanzo manifesto, come qualcuno ha azzardato definirlo, considero questo “Una stagione selvaggia” un gradevole prequel per capire dove nasce un’idea letteraria che, strada facendo, darà vita ad duo investigativo avventuroso, blues e pulp. Un romanzo che si legge senza il rischio di ritrovarsi spettinati o con la camicia stropicciata, ma che ha comunque il merito di farci passare qualche ora lontano dai problemi che ci assillano e nel quale il lettore attento già intravede quei bagliori dorati che anticipano un’alba piena di luce. Nota a margine: Einaudi ha più di recente riunito in un unico volume (Hap & Leonard) i primi tre romanzi della saga (Una stagione selvaggia, Mucho Mojo e II mambo degli orsi). ( )
  Sagitta61 | Nov 19, 2023 |
“Una stagione selvaggia. Un’indagine di Hap & Leonard” di Joe R. Lansdale (Einaudi, 2006) è il primo romanzo della saga investigativa dedicata, appunto, ad Hap e Leonard, i due interpreti delle numerose avventure che dal 1990, anno di prima pubblicazione americana del libro, animeranno numerose storie di questo autore, finendo per diventare negli States anche una serie televisiva di discreto successo. Scrivo tutto ciò in premessa perché, data la distanza tra l’uscita del romanzo nelle librerie d’oltreoceano e la pubblicazione in Italia è probabile, anzi è certo, che gli appassionati di Lansdale, che resta comunque uno dei miei autori contemporanei preferiti, abbiano già approcciato alla sua scrittura con successi del tipo “La foresta”, Acqua buia” o si siano già appassionati con il duo Hap e Leonard in avventure stile “Mucho Mojo” e “Bad Chili”. E se è vero ciò che penso, leggere ora, col senno di poi, questo libro, potrebbe lasciare un poco perplessi e spiegarci perché in Italia questo lavoro del texano, che ama le paludi e il pulp western, arrivi ad oltre quindici anni di distanza dalla sua prima pubblicazione americana.

Lo stile letterario e l’alchimia che Lansdale riesce a trasmettere con le parole è certamente la struttura di sostegno a tutto l’impianto narrativo. Maestro del linguaggio rude e graffiante, una vera lima grana ottanta con quello slang macho del sud, resta insuperabile nell’inventare le sue ricorrenti similitudini: "ero annoiato abbastanza da farmi una sega col pugno avvolto nel filo spinato”. Qui non è ancora a regime però con lo sbeffeggio cameratesco. Corrode, ma non troppo, e la storia traccia un solco poco profondo nella testa del lettore, ha poca incisività in uno sviluppo che, solo a tratti, s’impenna, ma sempre comunque non abbastanza da farci sudare come se qualcuno ci desse la caccia.

Hap Collins, un bianco sudista che ha passato qualche anno nelle patrie galere, pugile e buon tiratore, e il suo migliore amico Leonard Pine, afroamericano gay e veterano del Vietnam, dalla battuta tagliente e affetto da un sarcasmo ineguagliabile, sono già nella testa dell’autore, ma il loro carattere non è ancora a registro e si mostra a tratti fuori fuoco. Decisamente meglio tra i due a ben leggere, la figura di Leonard, il cui identikit mostra una discreta somiglianza ai caratteri caratteriali che ben conosce chi ha approcciato alla saga, anche nella rappresentazione del nero omossessuale del profondo sud americano, fatta senza mai offrire il fianco alla canzonatoria caricatura da osteria, ma con il rispetto assoluto della scelta dell’uomo Leonard, senza però rinunciare al suo piglio ilare. Salvo poi infilargli in bocca, nel “doppiaggio” italiano, proverbi in cui gatto fa rima con sacco, quasi che da LaBorde e le sue umide paludi la scena si trasferisca a Boretto, tra i pioppeti della bassa emiliana.

Meno bene per il bianco Hap, che in questo “Una stagione selvaggia” più che selvaggio pare un adolescente rimbecillito da una cotta, arrapato e addomesticato a cagnolino da compagnia sempre in calore. Una compagnia, quella degli altri personaggi che si muovono nella storia, anch’essa francamente sotto tono, a tratti grottesca, perfetta comunque per un romanzo che naviga in un mare liscio come l’olio, evitando sino all’ultimo la tempesta perfetta, preferendo nella mappa del racconto seguire una rotta lineare, quasi a voler scandagliare il fondale per cercare un approdo sicuro in cui gettare l’ancora, piuttosto che azzardare strambate adrenaliniche.

C’era una volta, dunque, un paio di amici squattrinati che, a metà degli ottanta, sbarcavano il lunario con lavori stagionali, improvvisati o ai margini della legge, sempre nell’attesa di un “carpe diem” capace di cambiare loro la vita. Una svolta! Quest’ultima arriva con Trudy, la ex moglie di Hap, imprigionato, ma sarebbe meglio dire ipnotizzato, da un amore adolescente tutto ormoni e niente testa.

«Brutto cazzone,» disse Leonard. «Ti ho detto che quella puttana è velenosa. Te l'ha detto anche Paco. La conoscono bene tutti eccetto quelli che s'innamorano di lei. Se non fossi frocio forse l'amerei anch'io. Ma dal mio punto di vista è solo una puttana con la lingua lunga, e tu un coglione di prima categoria che non sa distinguere tra un'erezione e il vero, dolce amore. Buonanotte» (da Una stagione selvaggia).

Ci sono parecchi soldi in ballo. Niente di difficile all’apparenza: cercare e recuperare nel pantano maleodorante di una palude sudista (che Lansdale difficilmente si fa mancare) il bottino perduto di una vecchia rapina. A complicare le cose però, dopo un buon mezzo libro di tira e molla, ci si mette il resto della banda, per certi versi più simile a quella di paese che suona nei giorni della sagra, che ad una letale gang di temerari fuorilegge, sullo stile di Alan Ford alla Max Bunker fine anni Sessanta: Howard, finto duro e altro ex dell’incantatrice e cinica Trudy; Paco, ex contestatore del sessantotto che tutti credono morto in un’esplosione e che nessuno riconosce per il suo viso deturpato come “Il fantasma dell'Opera” di Gaston Leroux; Chub, il bambino obeso e complessato che i tanto citati anni sessanta hanno trasformato in un adulto obeso e complessato. Sfortuna vuole per Hap e Leonard, fortuna invece per chi legge, che sul finale Lansdale molli gli ormeggi, cazzi la randa e prenda il vento tingendo l’acqua di sangue.

Lansdale, lo ribadisco, è proprio bravo. Una capacità di destreggiarsi con le parole che lo salva sempre, anche dove la trama ha una minore densità emotiva. Scritto bene lo é, capelli fuori posto pochi. Un po troppo lunghi forse, in quello stile contestazione anni Sessanta che nel libro entra con il peso di un intervento ad un congresso sui temi della rivoluzione giovanile e che mette a confronto “pace e amore” con le rivolte studentesche, il caro vecchio folk alla Bob Dylan da chitarra acustica con i movimenti radicali. Una poetica, nostalgica, trasognata rimembranza, il cui alone però persiste nell’aria come il sudore di un adolescente dopo la partita di calcetto che rischia di far mancare l’aria anche ad un boomer come me. Ma forse tutto ciò serviva a riempire qualche pagina in più d’inchiostro.

Più che un romanzo manifesto, come qualcuno ha azzardato definirlo, considero questo “Una stagione selvaggia” un gradevole prequel per capire dove nasce un’idea letteraria che, strada facendo, darà vita ad duo investigativo avventuroso, blues e pulp. Un romanzo che si legge senza il rischio di ritrovarsi spettinati o con la camicia stropicciata, ma che ha comunque il merito di farci passare qualche ora lontano dai problemi che ci assillano e nel quale il lettore attento già intravede quei bagliori dorati che anticipano un’alba piena di luce. Nota a margine: Einaudi ha più di recente riunito in un unico volume (Hap & Leonard) i primi tre romanzi della saga (Una stagione selvaggia, Mucho Mojo e II mambo degli orsi). ( )
  Sagitta61 | Nov 19, 2023 |
Puoi parlarne anche in negativo, caro Lansdale, (delle idee del sessantotto), ma sempre di cose sorpassate si tratta. ( )
  NewLibrary78 | Jul 22, 2023 |
Es mostren 1-5 de 29 (següent | mostra-les totes)
Sense ressenyes | afegeix-hi una ressenya

» Afegeix-hi altres autors (4 possibles)

Nom de l'autorCàrrecTipus d'autorObra?Estat
Joe R. Lansdaleautor primaritotes les edicionscalculat
Gigante, PhilReaderautor secundarialgunes edicionsconfirmat
Prinetti, CostanzaTraductorautor secundarialgunes edicionsconfirmat
Has d'iniciar sessió per poder modificar les dades del coneixement compartit.
Si et cal més ajuda, mira la pàgina d'ajuda del coneixement compartit.
Títol normalitzat
Títol original
Títols alternatius
Data original de publicació
Gent/Personatges
Informació del coneixement compartit en anglès. Modifica-la per localitzar-la a la teva llengua.
Llocs importants
Esdeveniments importants
Pel·lícules relacionades
Informació del coneixement compartit en anglès. Modifica-la per localitzar-la a la teva llengua.
Epígraf
Informació del coneixement compartit en anglès. Modifica-la per localitzar-la a la teva llengua.
"A great deal of intelligence can be invested in ignorance when the need for illusion is deep." --Saul Bellow
"Put all your eggs in one basket and -- WATCH THAT BASKET." --Mark Twain, 'Pudd'nhead Wilson'
Dedicatòria
Informació del coneixement compartit en anglès. Modifica-la per localitzar-la a la teva llengua.
a Jeff Banks, con amicizia.
Primeres paraules
Informació del coneixement compartit en anglès. Modifica-la per localitzar-la a la teva llengua.
I was out back of the house in the big field with my good friend Leonard Pine the afternoon it started.
Citacions
Darreres paraules
Informació del coneixement compartit en anglès. Modifica-la per localitzar-la a la teva llengua.
(Clica-hi per mostrar-ho. Compte: pot anticipar-te quin és el desenllaç de l'obra.)
Nota de desambiguació
Editor de l'editorial
Creadors de notes promocionals a la coberta
Llengua original
Informació del coneixement compartit en anglès. Modifica-la per localitzar-la a la teva llengua.
CDD/SMD canònics
LCC canònic

Referències a aquesta obra en fonts externes.

Wikipedia en anglès (1)

Fiction. Mystery. Suspense. Thriller. HTML:

Savage Season is the basis for the first season of the Sundance TV series Hap and Leonard

A rip-roaring, high-octane, Texas-sized thriller, featuring two friends, one vixen, a crew of washed-up radicals, loads of money, and bloody mayhem.

Hap Collins and Leonard Pine are best friends, yet they couldn't be more different. Hap is an east Texas white-boy with a weakness for Texas women. Leonard is a gay, black Vietnam vet. Together, they steer up more commotion than a fire storm. But that's just the way they like it. So when an ex-flame of Hap's returns promising a huge score. Hap lets Leonard in on the scam, and that's when things get interesting. Chockfull of action and laughs, Savage Season is the masterpiece of dark suspense that introduced Hap and Leonard to the thriller scene. It hasn't been the same since.

.

No s'han trobat descripcions de biblioteca.

Descripció del llibre
Sumari haiku

Debats actuals

Cap

Cobertes populars

Dreceres

Valoració

Mitjana: (3.7)
0.5
1 1
1.5
2 14
2.5 4
3 56
3.5 20
4 96
4.5 6
5 31

Ets tu?

Fes-te Autor del LibraryThing.

 

Quant a | Contacte | LibraryThing.com | Privadesa/Condicions | Ajuda/PMF | Blog | Botiga | APIs | TinyCat | Biblioteques llegades | Crítics Matiners | Coneixement comú | 202,146,966 llibres! | Barra superior: Sempre visible