IniciGrupsConversesMésTendències
Cerca al lloc
Aquest lloc utilitza galetes per a oferir els nostres serveis, millorar el desenvolupament, per a anàlisis i (si no has iniciat la sessió) per a publicitat. Utilitzant LibraryThing acceptes que has llegit i entès els nostres Termes de servei i política de privacitat. L'ús que facis del lloc i dels seus serveis està subjecte a aquestes polítiques i termes.

Resultats de Google Books

Clica una miniatura per anar a Google Books.

S'està carregant…

The Viceroys (1894)

de Federico De Roberto

Altres autors: Mira la secció altres autors.

Sèrie: Uzeda (2)

MembresRessenyesPopularitatValoració mitjanaMencions
4171259,526 (3.8)9
A lost literary classic, written in 1894, The Viceroys is one of the most acclaimed masterworks of Italian realism. The novel follows three generations of the aristocratic Uzeda family as it struggles to hold on to power in the face of the cataclysmic changes rocking Sicily. As Garibaldi's triumphs move Italy toward unification, the Uzedas try every means to retain their position. De Roberto's satirical and mordant pen depicts a cast of upper-class schemers, headed by the old matriarch, Donna Teresa, and exemplified by her arrogant and totally unscrupulous son, Consalvo, who rises to political eminence through lip service, double-dealing, and hypocrisy. The Viceroys is a vast dramatic panorama: a new world fighting to shrug off the viciousness and iniquities of the old.… (més)
S'està carregant…

Apunta't a LibraryThing per saber si aquest llibre et pot agradar.

No hi ha cap discussió a Converses sobre aquesta obra.

» Mira també 9 mencions

Es mostren 1-5 de 12 (següent | mostra-les totes)
"Desesperación histórica", J.M Guelbenzu, Babelia, 21.06.2008: https://elpais.com/diario/2008/06/21/babelia/1214005812_850215.html
  Albertos | Sep 10, 2021 |
Il romanzo I Vicerè è spesso paragonato a Il Gattopardo romanzo di Tomasi di Lampedusa. Le lunghe descrizioni dei caratteri, dei comportamenti, degli scopi che si prefiggono i protagonisti de I Vicerè, ripetute nel susseguirsi del racconto fino a renderlo pesante quasi per paura che il lettore possa dimenticarsene procedendo nella lettura, presentano i personaggi lasciando poco spazio all’immaginazione. Non mi vengono in mente altri racconti contenenti un’altra accozzaglia di personaggi tutti tanto negativi. Sull’interpretazione del carattere del principe di Salina come su quello di Tancredi o di Angelica, invece, sono stai versati fiumi di inchiostro a dimostrazione che L’A. lascia al lettore che ne abbia il desiderio la libertà di valutarne i pensieri e di giudicarne le azioni così come i fini. Gli Uzeda ci sono presentati come De Roberto se li immagina e che peggio non si potrebbe ed i loro comportamenti e scopi sono sempre riprovevoli. Nei Corbera, con i loro comportamenti non sempre condivisibili, i caratteri sembrano più verosimili, meno netti, più sfumati. Inoltre mi sembra che Lampedusa descriva gli ambienti in cui si svolge la narrazione con la competenza di chi li conosce bene per averli frequentati mentre si sente che le descrizioni d’ambiente di De Roberto sono di seconda mano. Un’ultima considerazione: il principe di Lampedusa è diventato famosissimo per una frase spesso a lui attribuita ma che non a mai pronunciato, come sa chi ha letto Il Gattopardo, perché a pronunciarla fu Tancredi, “se vogliamo che tutto rimanga com’è, bisogna che tutto cambi”. Don Fabrizio non l’ha mai pronunciata, quindi e forse mai condivisa anche se evitò di esprimere giudizi in proposito. Il concetto contenuto in questa breve frase è stato però ampiamente condiviso da don Consalvo che lo rese l’argomento dominane del lungo pistolotto finale diretto alla zia zitella. ( )
  fortunae | May 15, 2020 |
La saga della famiglia Uzeda – principi di Francalanza in Catania ed eredi della nobiltà spagnola – negli anni che segnano la fine di un mondo e la nascita di uno nuovo (non così diverso) riempie di sé questo grande romanzo italiano purtroppo un po’ dimenticato. Trattando del periodo dal 1855 al 1882 è inevitabile l’accostamento a ‘Il gattopardo’, ma in queste seicento e rotte pagine l’argomento è trattato con alluvionale abbondanza ottocentesca che si articola nelle vicende di una miriade di personaggi accuratamente delineati.
Uno dei pregi subito evidenti del libro è la capacità dell’autore di far scivolare la narrazione di figura in figura con una sorta di piano-sequenza che abbandona l’uno per seguire l’altro, una tecnica che si esplicita già in avvio quando c’è da portare in scena gli svariati componenti della famiglia. Questi hanno tutti una loro personalità definita, ma, al netto delle differenze che caratterizzano in special modo i meno fortunati come Ferdinando o Eugenio, sono segnati da tratti comuni che vanno dalla debolezza fisico-psichica (troppi matrimoni tra consanguinei nel passato, ma pure nel presente) all’esagerata autostima inculcata sin dalla più tenera età per culminare in una sete di potere e di ‘roba’ che conduce a infinite guerre interne.
La numerosità porta a lasciarne qualcuno per strada senza preavviso – don Lodovico (il racconto della cui infanzia arriva dritto dalla Gertrude manzoniana) e soprattutto Raimondo, a lungo al centro dell’intreccio prima di sparire di colpo - ma lo sguardo di De Roberto si mantiene feroce e il ritmo procede compassato ma implacabile avvolgendo il lettore: solo nei momenti più (banalmente) strappalacrime, come all’apice dei tormenti delle tristemente maritate Margherita e Matilde, la tensione cala minata da una certa maniera.
La lingua richiede un po’ d’impegno – non tanto per gli arcaismi, quanto per la netta prevalenza del discorso indiretto magari immerso in uno dei vastissimi paragrafi – ma ricompensa chi abbia voglia di abbandonarvisi e nella terza parte costringe a sobbalzare.
L’avventura politica di Consalvo, già prefigurata da quella dello zio Gaspare in pratica eletto per censo, è modernissima per spregiudicatezza e capacità di manipolazione culminando nel ‘doppio discorso’ agli elettori della sinistra parlamentare per cui si presenta e alla borbonicissima zia Ferdinanda: a entrambi proclama ciò che vogliono sentirsi dire, ma non ci sono dubbi in quale dei due sia più sincero (o meno bugiardo). ( )
  catcarlo | Jan 28, 2020 |
Abituati a considerare come unico capolavoro italiano del periodo "Il Gattopardo", vi dico che questo è ancora più bello e storicamente valido. Il libro è un capolavoro assoluto, non capisco proprio perchè in Italia non sia stato apprezzato come merita (anche se ultimamente, complice uno sceneggiato televisivo, viene rivalutato). Il romanzo è scritto benissimo, in un italiano ottimo che ci fa inorgoglire della nostra bella lingua, è avvincente e fa riflettere molto sul nostro paese. Leggendo questo libro si capisce molto del perchè siamo arrivati ad essere messi così male come nazione. Da questo affresco storico si capiscono quali idee e motivazioni muovono le azioni della classe culturale e politica italiana, si capisce il perchè del nostro agire e pensare da levantino. direi che è un romanzo geniale ( )
  SirJo | Sep 4, 2017 |
Es mostren 1-5 de 12 (següent | mostra-les totes)
Sense ressenyes | afegeix-hi una ressenya

» Afegeix-hi altres autors (29 possibles)

Nom de l'autorCàrrecTipus d'autorObra?Estat
Federico De Robertoautor primaritotes les edicionscalculat
Baldacci, LuigiCol·laboradorautor secundarialgunes edicionsconfirmat
Lavagetto , MarioIntroduccióautor secundarialgunes edicionsconfirmat
Sabbatucci, GiovanniPròlegautor secundarialgunes edicionsconfirmat
Scholtz, A.M.L.Traductorautor secundarialgunes edicionsconfirmat
Sciascia, LeonardoCol·laboradorautor secundarialgunes edicionsconfirmat
Has d'iniciar sessió per poder modificar les dades del coneixement compartit.
Si et cal més ajuda, mira la pàgina d'ajuda del coneixement compartit.
Títol normalitzat
Informació del coneixement compartit en italià. Modifica-la per localitzar-la a la teva llengua.
Títol original
Títols alternatius
Informació del coneixement compartit en neerlandès. Modifica-la per localitzar-la a la teva llengua.
Data original de publicació
Gent/Personatges
Informació del coneixement compartit en italià. Modifica-la per localitzar-la a la teva llengua.
Llocs importants
Informació del coneixement compartit en italià. Modifica-la per localitzar-la a la teva llengua.
Esdeveniments importants
Informació del coneixement compartit en italià. Modifica-la per localitzar-la a la teva llengua.
Pel·lícules relacionades
Epígraf
Dedicatòria
Primeres paraules
Informació del coneixement compartit en italià. Modifica-la per localitzar-la a la teva llengua.
Giuseppe, dinanzi al portone, trastullava il suo bambino, cullandolo sulle braccia, mostrandogli lo scudo marmoreo infisso al sommo dell’arco, la rastrelliera inchiodata sul muro del vestibolo dove, ai tempi antichi, i lanzi del principe appendevano le alabarde, quando s’udì e crebbe rapidamente il rumore d’una carrozza arrivante a tutta carriera; e prima ancora che egli avesse il tempo di voltarsi, un legnetto sul quale pareva fosse nevicato, dalla tanta polvere, e il cui cavallo era tutto spumante di sudore, entrò nella corte con assordante fracasso. Dall’arco del secondo cortile affacciaronsi servi e famigli: Baldassarre, il maestro di casa, schiuse la vetrata della loggia del secondo piano, intanto che Salvatore Cerra precipitavasi dalla carrozzella con una lettera in mano.
Citacions
Darreres paraules
Informació del coneixement compartit en italià. Modifica-la per localitzar-la a la teva llengua.
(Clica-hi per mostrar-ho. Compte: pot anticipar-te quin és el desenllaç de l'obra.)
Nota de desambiguació
Editor de l'editorial
Creadors de notes promocionals a la coberta
Llengua original
Informació del coneixement compartit en italià. Modifica-la per localitzar-la a la teva llengua.
CDD/SMD canònics
LCC canònic

Referències a aquesta obra en fonts externes.

Wikipedia en anglès (1)

A lost literary classic, written in 1894, The Viceroys is one of the most acclaimed masterworks of Italian realism. The novel follows three generations of the aristocratic Uzeda family as it struggles to hold on to power in the face of the cataclysmic changes rocking Sicily. As Garibaldi's triumphs move Italy toward unification, the Uzedas try every means to retain their position. De Roberto's satirical and mordant pen depicts a cast of upper-class schemers, headed by the old matriarch, Donna Teresa, and exemplified by her arrogant and totally unscrupulous son, Consalvo, who rises to political eminence through lip service, double-dealing, and hypocrisy. The Viceroys is a vast dramatic panorama: a new world fighting to shrug off the viciousness and iniquities of the old.

No s'han trobat descripcions de biblioteca.

Descripció del llibre
Sumari haiku

Debats actuals

Cap

Cobertes populars

Dreceres

Valoració

Mitjana: (3.8)
0.5
1 1
1.5
2 5
2.5 2
3 9
3.5 4
4 26
4.5 3
5 13

Ets tu?

Fes-te Autor del LibraryThing.

 

Quant a | Contacte | LibraryThing.com | Privadesa/Condicions | Ajuda/PMF | Blog | Botiga | APIs | TinyCat | Biblioteques llegades | Crítics Matiners | Coneixement comú | 201,903,915 llibres! | Barra superior: Sempre visible