IniciGrupsConversesExploraTendències
Cerca al lloc
Aquest lloc utilitza galetes per a oferir els nostres serveis, millorar el desenvolupament, per a anàlisis i (si no has iniciat la sessió) per a publicitat. Utilitzant LibraryThing acceptes que has llegit i entès els nostres Termes de servei i política de privacitat. L'ús que facis del lloc i dels seus serveis està subjecte a aquestes polítiques i termes.
Hide this

Resultats de Google Books

Clica una miniatura per anar a Google Books.

Italiani dovete morire de Alfio Caruso
S'està carregant…

Italiani dovete morire (2000 original; edició 2001)

de Alfio Caruso

MembresRessenyesPopularitatValoració mitjanaConverses
192944,482 (3.58)No n'hi ha cap
Membre:mariod
Títol:Italiani dovete morire
Autors:Alfio Caruso
Informació:Milano, Longanesi, c2001
Col·leccions:La teva biblioteca
Valoració:
Etiquetes:No n'hi ha cap

Informació de l'obra

Italiani dovete morire de Alfio Caruso (2000)

No n'hi ha cap
S'està carregant…

Apunta't a LibraryThing per saber si aquest llibre et pot agradar.

No hi ha cap discussió a Converses sobre aquesta obra.

Es mostren totes 2
«Dopo cinquantasette anni ci sono ancora notti in cui mi ritrovo a Cefalonia, in cui rivedo Matteri e Cortesi che non vogliono saperne di togliersi la divisa di ufficiale». Così ricorda uno dei pochi superstiti ancora in vita dell' orrendo massacro perpetrato dalla Wehrmacht contro la divisione Acqui nell'isola di Cefalonia, vicino alla costa occidentale della Grecia, all'indomani dell'armistizio che I'8 settembre 1943 lasciò l'esercito italiano abbandonato a se stesso, in balìa della Storia. Gli ufficiali della Acqui, pur ignorando le dimensioni dello sfascio, percepirono nettamente il senso di abbandono contenuto nel comunicato di Badoglio. Il loro comandante, generale Antonio Gandin, fu in quell'ora il comandante più solo al mondo. Ha l'umanissima debolezza d'inseguire una soluzione che lo soddisfi come uomo e come soldato. Dovendo decidere in un drammatico faccia a faccia con la propria coscienza, purtroppo non decide: « resterà a metà tra il cuore , che gli dice che una divisione non cede le armi , e la ragione, che gli dice che è follia pura andare contro i tedeschi. Rimarrà avviluppato da questa incertezza », consumando una settimana alla disperata ricerca di un compromesso, tra opportunismi e piccole furbizie . Gli Il 700 «figli di mamma» ai suoi ordini , ciascuno con la sua piccola storia, erano contadini, operai, impiegati, professori, ingegneri costretti dalla sorte a trasformarsi in guerrieri per tener fede a un giuramento. Chiamati a dover scegliere tra la vita e l'onore, scelsero l'onore sacrificando la vita e scrivendo probabilmente - come afferma Alfio Caruso, che ha ricostruito la tragica sequenza di quelle giornate con rigore storico e un'appassionata partecipazione personale agli eventi - «la pagina più nobile dell 'e sercito italiano durante la seconda guerra mondiale ». Un privilegio costato 9406 morti: oltre 1300 caddero durante gli accaniti combattimenti che si svilupparono in tutta l'isola, in particolare tra il 15 e il 22 settembre, oltre 5000 vennero passati per le armi o fucilati dopo la resa, altri 3000, fatti prigionieri, scomparvero in mare a bordo di tre navi che urtarono delle mine. In quei giorni dell'ira, i tedeschi disposero a piacimento dell 'esistenza altrui , calpestando ogni codice di comportamento, umano prima ancora che militare: « vivere o morire a Cefalonia diventò un'estrazione alla lotteria della buona e della catt iva sorte». Ancora oggi, quando vedono alzarsi da qualche parte una colonna di fumo, i vecchi dell'isola dicono : «È la divisione Acqui che sale in cielo». ( )
  BiblioLorenzoLodi | May 14, 2014 |
ottima anche se triste descrizione del massacro della divisione AQUI nel settembre del '43 a Cefalonia. Incomprensibilmernte è una delle pagine di storia più dimenticate, è senz'altro un ricordo scomosoperchè non appartiene all'antifascismo né, tantomeno, alla Sinistra, per decenni distributrice di patenti su ciò che andava onorato e su ciò che andava dimenticato della seconda guerra mondiale ( )
  pecos | Apr 15, 2013 |
Es mostren totes 2
Sense ressenyes | afegeix-hi una ressenya
Has d'iniciar sessió per poder modificar les dades del coneixement compartit.
Si et cal més ajuda, mira la pàgina d'ajuda del coneixement compartit.
Títol normalitzat
Títol original
Títols alternatius
Data original de publicació
Gent/Personatges
Informació del coneixement compartit en italià. Modifica-la per localitzar-la a la teva llengua.
Llocs importants
Informació del coneixement compartit en italià. Modifica-la per localitzar-la a la teva llengua.
Esdeveniments importants
Informació del coneixement compartit en italià. Modifica-la per localitzar-la a la teva llengua.
Pel·lícules relacionades
Premis i honors
Informació del coneixement compartit en anglès. Modifica-la per localitzar-la a la teva llengua.
Epígraf
Dedicatòria
Primeres paraules
Citacions
Darreres paraules
Nota de desambiguació
Editor de l'editorial
Creadors de notes promocionals a la coberta
Llengua original
CDD/SMD canònics
LCC canònic

Referències a aquesta obra en fonts externes.

Wikipedia en anglès

No n'hi ha cap

No s'han trobat descripcions de biblioteca.

Descripció del llibre
Sumari haiku

Cobertes populars

Dreceres

Valoració

Mitjana: (3.58)
0.5
1
1.5
2
2.5
3 3
3.5
4 2
4.5 1
5

Ets tu?

Fes-te Autor del LibraryThing.

 

Quant a | Contacte | LibraryThing.com | Privadesa/Condicions | Ajuda/PMF | Blog | Botiga | APIs | TinyCat | Biblioteques llegades | Crítics Matiners | Coneixement comú | 164,455,899 llibres! | Barra superior: Sempre visible